Sintotermico “Roetzer”

Sintotermico “Roetzer” INER Padova

informazioni cell. 320.3047997 dalle 15,30 alle 19,30 dal luned’ al venerdì;

email: iner.padova@gmail.com

 

IL METODO SINTOTERMICO Roetzer

Il metodo sintotermico si fonda sull’osservazione non di un solo, ma di un insieme di effetti fisiologici prodotti dagli ormoni ovarici (estrogeni e progesterone) durante il ciclo mestruale. Dopo la mestruazione la donna inizia a registrare la temperatura corporea basale (rettale, vaginale od orale). Giorno dopo giorno essa vedrà che alla curva di temperatura, stabile su un certo livello, si affiancherà una perdita di muco, che diventerà sempre più filante ed acquoso, simile alla chiara d’uovo crudo (muco di tipo più fertile), per poi scomparire. Contemporaneamente, o subito dopo gli ultimi giorni di questo tipo di muco, la temperatura si muoverà dal suo livello e si alzerà di qualche decimo di grado fino a dare una curva bifasica (costituita da una iniziale fase bassa e da una successiva fase alta). La comparsa del muco che si fa via via somigliante alla chiara d’uovo crudo indica che gli estrogeni si stanno alzando nel sangue, perché prodotti in quantità crescente dall’ovaio. A questo aumento degli estrogeni solitamente consegue l’ovulazione. Il rialzo della temperatura è invece un segnale dell’aumento del progesterone, il secondo ormone in ordine cronologico del ciclo ovarico. Questo rialzo termico è un indicatore a posteriori dell’avvenuta ovulazione.